Posts Tagged 'castello'

L’ultima pioggia dell’estate

Guardo camminando la mia ombra
che scivola sui sassi
mentre l’ultima pioggia dell’estate mi racconta 
delle mille cose che non ho.

Si inizia così, con uno degli incipit più belli di sempre, “Sogno di Estunno” della Locanda delle Fate.

Ebbi il primo contatto con la Locanda una decina abbondante di anni fa quando, saccheggiando avidamente l’hard disk di Puccio, fui colpito dal nome del gruppo. A quel tempo erano in pochi ad avere una connessione veloce in casa e, in ogni caso, Puccio è sempre stato avanti su tutto. In quella occasione riuscii finalmente a mettere le mani (digitalmente…) su alcuni titoli inseguiti da tempo, dopo essere stati a lungo presenti nei miei appunti, premurosamente scritti a mano durante l’ascolto di RadioRock. Al contratio di Puccio io sono sempre in ritardo su ogni cosa e iniziai ad ascoltare quella stazione romana quando già la conoscevano tutti da anni.

Tuttavia, nella mole di materiale messo assieme, i brani della Locanda tardarono a farsi notare. L’incontro galeotto avvenne Continua a leggere ‘L’ultima pioggia dell’estate’

Crazy man Michael he wanders and walks

Quando, ormai quasi 6 anni fa, iniziai in parallelo i miei due blog, avevo programmato un post per il 21 aprile 2008. In quella data sarebbe occorso il 30mo anniversario della morte di Sandy Denny. Ovviamente alla fine arrivai “impreparato” a quella occasione, ancora troppo ossessionato dall’idea di dover scrivere il “post perfetto”. Ne venne fuori una colpevole “brutta“, mai terminata.

Oggi sono passati 35 anni da quell’avvenimento e questa volta voglio scrivere il mio post su Sandy. E non sarà un post perfetto. Continua a leggere ‘Crazy man Michael he wanders and walks’

If winter comes…

“If winter comes can Beethoven’s Birthday be far behind?” (se l’inverno arriva, puo’ l’Anniversario di Beethoven essere lontano?) si domanda Lucy in una striscia del Maestro Schulz (l’unica persona per la quale, e’ noto, ho portato il lutto al braccio – per 10 giorni…), giocando sul verso verso finale de “Ode to the West Wind” di Percy Bysshe Shelley (“pissi-pissi” Shelley, per gli amici…), nel quale si anela il ritorno della primavera e non il festeggiamento per il Maestro (Beethoven, non Schulz!)…

…arriva il tempo del Natale…quest’anno forse anche con un po’ di neve; “[…] eeeeh, questo Natale si e’ presentato come comanda Iddio…co’ tutti i sentimenti s’e’ presentato […]”, constata piu’ volte Luca Cupiello – Eduardo all’inizio del primo atto di – guarda un po’… – “Natale in Casa Cupiello”…capolavoro (secondo pero’ all’inarrivabile “Napoli Milionaria” nella mia personale classifica) nel quale il presepe assume un ruolo da protagonista…e questo post, ogni anno, e’ in lista d’attesa per la pubblicazione il giorno 8 del mese di dicembre, perche’ – secondo una tradizione che tanti anni fa mi “consegno’ “ PornoMarta, quello e’ il giorno deputato all’ Continua a leggere ‘If winter comes…’

All the mornings still to live

Giusto tra qualche giorno dovrò “ripubblicare” un post nel quale parlavo di quanto spesso mi accada di avere molto a cuore dei brani che, nelle molte recensioni di album che finiscono spesso nelle “Top N” della storia (gli album dei quali parliamo qui, ovviamente, ci sono solo per N “sufficientemente grande”!), non figurano mai. Prendete l’album “Ladies of the Canyon”, di Joni Mitchell (nome che ha iniziato a ronzare nella mia testa dopo le tante visioni giovanili di “C’è posta per te” [You’ve got Mail, di Nora Ephron – la sceneggiatrice di “Harry ti presento Sally”, per capirci…])…tutti lodano, elogiano e ricordano “The Circle Game”, “Woodstock”, la title-track e – ovviamente, direi! – quella “Big Yellow Taxi” sulla quale mi perdonerete due parole a fine post…ma di certo quasi nessuno dedica più di una riga (o anche no!) a quel piccolo e delicato gioiellino posto in apertura del disco: “Morning Morgantown”…finalmente è apparsa in rete un video la versione da studio…e allora…

…è vero che è bellissima?? Cosa succede ora? Continua a leggere ‘All the mornings still to live’

Racing the clouds home

Il 29 Agosto – si sa – e’ un giorno importante, a Castello. Mi ricorda i bei tempi nei quali ancora si rimaneva tutti fino alla fine del mese…Ora non e’ piu’ cosi’, ma quest’anno almeno io sono riuscito a fermarmi un po’ di piu’, giovandomi così di qualche giornata di completa solitudine da passare – rigorosamente – a scrivere!

In questo mese di Agosto, per un motivo o per l’altro, ci e’ capitato piu’ volte di sfiorare il tema della guerra. E allora, per chiudere il cerchio e, in un certo senso, per rendere omaggio Continua a leggere ‘Racing the clouds home’


Sentitevi liberi di lasciare un commento o una traccia del vostro passaggio. Mi farà piacere!...e votate i post!

I preferiti da voi

RSS FaceBook

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

RSS Notizie condivise

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Quanti passano da qui?

  • 25.532 visite